1946: la casa di via Bodoni, arrivo e ritorno di Bella

Edificio in via Bodoni
  • Codice: 00431
  • Regione: Lazio
  • Provincia: Roma
  • Comune: Roma
  • LocalitÓ/quartiere: Testaccio
  • Localizzazione specifica: Via Bodoni 82
  • Tipo: Punto di ascolto letterario
  • Coordinate geografiche: 41.87862º N 12.4741º E

Abstract

In primavera Ida e Useppe si trasferirono in via Bodoni, grazie al fatto che una cliente di Filomena lasciava la sua casa per tornare al paese. Ida sperava che anche Nino prima o poi sarebbe andato a vivere con loro. Il ragazzo era divenuto più assiduo nelle visite al fratello e una volta si era presentato con un magnifico cane pastore, che aveva avuto in eredità dal socio finito in galera: una femmina di nome Bella. Subito tra i tre si creó una grande complicità. In ottobre Ida riprese a insegnare nella vecchia scuola di Testaccio e per non lasciare Useppe da solo lo portava in classe, ma il bimbo appariva insifferente, tanto che alla fine dovette rinunciare. Useppe era ancora troppo gracile, non cresceva ed era di nuovo inquieto: il 16 novembre ebbe un primo grave attacco di epilessia. Il giorno dopo Ida apprese la notizia che Nino era rimasto ucciso in un incidente. Poco Poco dopo il funerale Bella, sporca e quasi irriconoscibile, si presentò sull'uscio di via Bodoni.

Elenco Risorse Digitali disponibili nell'App

La nuova casa di via Bodoni

Brano tratto da: La storia, di Elsa Morante. Milano: Einaudi, 1974
Voce: Francesca Gatto