Via di Villa Pepoli

Arco d'ingresso a Via di Villa Pepoli.
  • Codice: 00917
  • Regione: Lazio
  • Provincia: Roma
  • Comune: Roma
  • LocalitÓ/quartiere: Via di Villa Pepoli
  • Localizzazione specifica: Via di Villa Pepoli
  • Tipo: POI urbanistico
  • Coordinate geografiche: 41.878575° N 12.489180° E

Abstract

Posta sull'arco d'ingresso della via sta una targa del 1801, che reca il nome del cardinale calabrese Fabrizio Dionigi Ruffo (1744-1827), famoso per aver creato e comandato l'esercito della Santa Fede, principale arma antigiacobina che segnò la fine della Repubblica partenopea del 1799. La via è fiancheggiata da interessanti villini razionalisti (uno fra tutti al civico 8: villino Ramazzotti, realizzato nel 1927, dall' architetto Giuseppe Nicolosi).
I Pepoli sono una famiglia gentilizia bolognese, ancora esistente, le cui origini risalgono all’età medievale. Un ramo della famiglia si spostò da Bologna a Trapani, dove si trova un’altra bella villa. Una terza elegante residenza dei Pepoli è a Occhiobello (RO).
Prolungamento della via, che è senza uscita, è via L. Fabio Cilone, console e prefetto di Roma del III secolo d.C., probabile destinatario del dono, da parte dell’imperatore Settimio Seveero, di una domus, oggi identificata con la struttura originaria della chiesa di

Elenco Risorse Digitali disponibili nell'App

Iscrizione di Pio VII.

Foto: Archivio Associazione culturale GoTellGo