Basilica di San Saba

Basilica di San Saba.
  • Codice: 00924
  • Regione: Lazio
  • Provincia: Roma
  • Comune: Roma
  • LocalitÓ/quartiere: San Saba
  • Localizzazione specifica: Via di San Saba
  • Tipo: POI architettonico
  • Coordinate geografiche: 41.878607° N 12.485094° E

Abstract

Sorta probabilmente sulle rovine di una caserma (statio) della IV coorte dei vigili, la basilica fu, immediatamente dopo la caduta dell'impero romano, l'unica presenza abitata della zona, con il monastero e la relativa chiesa. Durante il VII secolo alcuni monaci orientali, provenienti dalla comunità fondata a Gerusalemme da San Saba, vi organizzarono una nuova comunità, che presto divenne un famoso e prestigioso monastero, considerato nei secoli successivi il più importante di Roma, centro di attività diplomatiche verso Costantinopoli e il mondo barbarico.
L'aspetto attuale della chiesa è il risultato di diversi interventi durante i secoli, fra il XII e il XVIII; le architetture originarie sono state in parte ripristinate durante i restauri novecenteschi (anche se la facciata originale è tuttora coperta da un portico settecentesco mentre la loggia superiore risale al Quattrocento). La chiesa è retta dai gesuiti.

Elenco Risorse Digitali disponibili nell'App

Basilica di San Saba. Lunetta.

Foto: Archivio Associazione culturale GoTellGo

Basilica di San Saba. Interno.

Foto: Archivio Associazione culturale GoTellGo

Basilica di San Saba. Interno. Ciborio e affreschi absidali.

Si noti la sedia episcopale dietro il ciborio, ornata da un disco con mosaici cosmateschi.
I retrostanti affreschi del 1575 dovevano ripetere i disegni del mosaico che la dovevano ornare originariamente.
Dall'alto:
Cristo tra i Ss. Andrea e Saba (catino)
Agnello mistico e teorie di Agnelli
Vergine in trono con il bambino e i dodici apostoli
Gregorio XIII e santi
Crocifissione
Foto: Archivio Associazione culturale GoTellGo

Basilica di San Saba. Interno. Navata sinistra.

Affrescho del Maestro di San Saba (fine XIII-inizi XIV secolo)
La "leggenda di San Nicola di Bari e delle tre zitelle": le tre donne erano le figlie bellissime di un'onesta e povera famiglia, il cui padre si crucciava perché le figlie non avevano dote ma la cui bellezza metteva a rischio la virtù. L'uomo, molto devoto, invocò perciò san Nicola, il quale esaudì la preghiere e lanciò, attraverso la finestra della camera da letto delle ragazze, una borsa piena di monete d'oro per garantire la dote per tre matrimoni.

Foto: Archivio Associazione culturale GoTellGo

Basilica di San Saba. Interno. Navata sinistra.

Affreschi del Maestro di San Saba (fine XIII-inizi XIV secolo)
Vergine in trono tra i santi Andrea e Saba
Pontefice in trono tra due santi
Foto: Archivio Associazione culturale GoTellGo